Betaglucani

I  betaglucani sono particolari fibre solubili naturalmente presenti nei cereali, come l’orzo e l’avena. Diversi studi scientifici  evidenziamo come l’assunzione di  una quantità giornaliera di betaglucani da orzo o avena pari a 3g, all’interno di una dieta bilanciata, a basso contenuto in grassi saturi e colesterolo, accompagnata da uno stile di vita sano, aiuta  a ridurre il colesterolo e contribuire alla salute del sistema cardiovascolare.
Per saperne ancora di più sui betaglucani, clicca qui.

Biodisponibilita'

Consiste nella frazione di una determinata sostanza  o principio attivo che è effettivamente in grado di essere assorbita e utilizzata dall’organismo.
Vi sono alcune condizioni che favoriscono o riducono la biodisponibilità di determinate sostanze. La biodisponibilità della vitamina C (una vitamina idrosolubile altamente instabile), contenuta in molti frutti e ortaggi, diminuisce se questi cibi vengono esposti alle alte temperature: il tenore vitaminico della frutta e della verdura è infatti maggiore se queste vengono consumate crude, dopo essere state lavate accuratamente con acqua fredda.
La biodisponibilità del calcio, invece, aumenta in presenza di proteine del latte, lattosio e vitamina D: ecco perché il calcio contenuto nel latte è più biodisponibile rispetto a quello contenuto in altri alimenti.

 

Biodiversita'

La biodiversità corrisponde alla varietà delle forme di vita animali e vegetali presenti negli ecosistemi del nostro Pianeta. Questo termine indica anche la variabilità genetica all’interno di ogni singola specie.
La biodiversità degli ecosistemi è invece riferita ai diversi “ambienti” naturali in cui sono presenti le varie forme di vita: la foresta, la barriera corallina, il deserto, ecc. La scomparsa di questi ambienti determina il rischio di estinzione per le specie che li abitano.